Il percorso di visita


SALA 1 - Accoglienza -
Storia dello sviluppo ferroviario in Puglia – La sala di ingresso/biglietteria accoglie i visitatori fornendo materiale illustrativo relativo al percorso consigliato, alle sale espositive e ai rotabili in esposizione. Un book-shop permette la vendita di pubblicazioni a carattere ferroviario, cartoline, video, gadget.  Nella Sala Accoglienza sono anche esposti pannelli fotografici, cimeli, divise e modelli, che ripercorrono la storia dello sviluppo ferroviario in Puglia.


SALA 2 - La strada ferrata e la manutenzione Esposizione di vecchi macchinari, attrezzi di lavoro, segnali per lavori in corso, vecchio quadriciclo a pedali di servizio proveniente dalle FSE: il tutto ambientato su un vero tratto di rotaia e integrato da pannelli con ampia documentazione fotografica e modelli.


SALA 3 – Segnalamento e Apparati Centrali – Esposizione di segnali di vario tipo, dai primi ottocenteschi a disco girevole, a quelli ad ala semaforica, sino ai segnali permanentemente luminosi tutt’oggi in uso. Vi sono segnali bassi da manovra e di indicazione della posizione dei deviatoi di varie epoche, un vecchio apparato centrale elettrico con posto di blocco (ACE) proveniente dalla stazione FSE di Castellana. Alcuni segnali sono resi funzionanti a scopo dimostrativo e didattico. Un altro banco ACE delle Ferrovie dello Stato, con un segnale luminoso a tre luci, è esposto nel capannone n. 2 dei rotabili.



SALA 4 – Sala dirigente Zollino - Nello spazio sono stati rimontati il banco di controllo, gli armadi relè, l’orologio a pendolo con traccia oraria e altri accessori provenienti dalla stazione di Zollino, il tutto arredato per costituire una tipica sala da dirigente come si presentava tra il 1960 e il 2007, anno in cui il vecchio apparato centrale elettrico (ACE) è stato sostituito da un moderno impianto centrale elettrico ad itinerari (ACEI).





SALA 5 – Modellismo ferroviario
– La sezione di modellismo è curata da alcuni soci fermodellisti dell’AISAF. Nel grande salone è prevista la realizzazione di un grande plastico di 14 metri di lunghezza, di ambientazione tipicamente pugliese, in cui verrà inserita la già riprodotta stazione di Fasano e il grande viadotto ad arco unico, costruito al vero dalle FS sulla gravina presso Castellaneta. Uno spazio è dedicato alle ferrovie forestali, con la riproduzione di una zona forestale americana attraversata da una linea a scartamento ridotto e da una a scartamento normale su cui sfilano le originali locomotive a vapore Shay, Climax, Heisler, progettate per il traino dei convogli di legname su linee particolarmente accidentate.




SALE 6/7/8 –
La Squadra Rialzo di Lecce Spazio dedicato alla storia delle vecchie officine che ospitano attualmente il Museo. Sono esposte varie apparecchiature, provenienti dalle ex officine FS ed FSE, utilizzate per la manutenzione dei rotabili ferroviari, corredate da foto d’epoca e manifesti. Nello spazio esterno adiacente è esposto un grande tornio per la ritornitura delle sale (ruote dei treni) risalente agli anni’30



SALA 9/10 –
Biblioteca e centro di documentazione, Sala didattica – Biblioteca con testi di storia ferroviaria, manuali tecnici sui rotabili e sull’esercizio, documenti d’epoca e/o fotoriprodotti, monografie sui principali mezzi delle Ferrovie dello Stato; Emeroteca con annate complete delle principali riviste del settore; videoteca sulle ferrovie italiane e di altri paesi. Adiacente alla biblioteca sarà allestita una sala didattica per incontri, corsi, proiezioni.

11/12 – Carrozze espositiveAll’interno di due vecchie carrozze “Centoporte” sono stati creati spazi espositivi per l’allestimento di mostre tematiche temporanee.




Il percorso di visita della raccolta di rotabili suggerito segue un ordine "logico-cronologico", partendo dalle antiche locomotive a vapore e dai più recenti altri mezzi di trazione, sia da linea che da manovra, per poi seguire con i carri e le carrozze, sia FS che FSE, passando infine ai mezzi esposti sul piazzale esterno. Molti mezzi saranno dotati di scalette per un comodo accesso a bordo. Si entra infine nelle sale interne (in ordine numerico inverso), per fare ritorno alla Sala d'accoglienza.